Luna

Alla fine io non ho niente

posso solo alzare lo sguardo a te a cui sussurro la mia paura,

luna

della notte custodisci ogni segreto,

ogni divieto,

ogni io disperso cerca in te 

quello che ha perso,

un amore, un dispiacere, un desiderio,

una gioia o il suo divieto.

L’estate , l’inverno

la notte il giorno,

tutti arrivano a te

senza aver nient’altro attorno

perfino il mare si lascia trasportare

perfino il mondo si lascia circuire 

e il sole cerca riflesso, 

hai il silenzio attorno e lui sa dire

ma qui siamo umani e non possiamo capire.

Tu punto d’attracco tra il mio e dio.

Tu come sai tu nemmeno una madre,

non c’e bisogno di spiegare

sembra qui, 

il nostro qui,

tutto, 

ma da li 

qui e’ niente.

olio su tela 60×90

Lascia un commento