Vertigini

Vertigini

Qui contano i giorni,

contano i giorni che mancano ai giorni.

le ore che mancano alle ore, qui,

il tempo viene misurato,

il tempo che manca al tempo viene contato,

ignorato, sfumato.

Come il denaro guadagnato

senza pensare al prezzo pagato,

come il bambino appoggiato al muro,

arriva fino a dieci voltandosi sicuro

dimenticando tutto il buio,

come quante volte ho accarezzato quel rumore lontano,

stropicciando quel piccolo magone in fondo al cuore:

“bastava stringessi la mano.”

Qui contano il tempo, cazzo,

e la citta’ ti divora, qui,

dio non ha dimora

comanda l’uomo col suo ho fatto,

ma non ho fatto distratto

nel raccontare questa storia,

nel baciare una bella donna.

Sorvolo la citta’,

leggero come una piuma.

Planare e non arrivare

sono le uniche regole da rispettare.

olio su tela 130×100

 

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *