Gravità

Gravità

Cammino in equilibrio,

penso, in equilibrio,

lavoro, in equilibrio,

amo, in equilibrio.

In equilibrio

tra il su e il giu

tra me e il tu.

E’ cielo, è terra

e la forza di gravità è una sorella

che sa, tutto quel che qui, c’è

e anche se sbaglio mi sorregge,

mi legge, senza aver mai di me paura.

E’ la mia migliore scusa,

mi permette di non cadere

da quel filo teso tra fantasia e realtà,

dal mio velo,

tra cuore e razionalità.

Io, sono in equilibrio sopra la città,

nulla chiedo, con questi occhi non vedo,

nel prossimo passo spero,

spero, che ancora tu mi vuoi

anche se non so tenere, non so cadere,

e macchio con chiazze di colore.

Sono tanto altrove, eppure mi basta solo un po di calore.

La gravità

è la gente sorretta che passa e va.

È lei che non chiederà più di te,

tutto è, solo quel che c’è.

La perdono e condanno

ne volare, ne cadere, mi fa,

mi tiene qui, qui per mano, in equilibrio,

sopra la città.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *